Scarton Cesare

Arte Scenica

Scarton

Biografia

Cesare Scarton si è diplomato in Regia lirica e teatrale presso il Conservatorio di Musica «Santa Cecilia» di Roma e laureato in Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo presso l’Università degli Studi di Bologna.

Ha fatto parte della direzione artistica di importanti manifestazioni internazionali di musica, danza, teatro, tra le quali la Sagra Musicale Umbra, le Panatenee (Pompei, Agrigento, Capri), il Verdi Festival di Parma, il Reate Festival di Rieti, del quale nel 2012 è stato nominato Direttore artistico e confermato nel medesimo incarico fino al 2017.

Ha curato, fra le altre, la regia di Il matrimonio segreto di Cimarosa, Chi rapì la topina Costanza? di Vacca, Lo scoiattolo in gamba di Rota, Così fan tutte di Mozart, La piccola volpe astuta di Janáček, L’heure espagnole di Ravel, Gianni Schicchi di Puccini, L’impresario in angustie di Cimarosa (produzioni realizzate per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Parco della Musica, Roma, e registrate in dvd), The little sweep di Britten, Dido and Aeneas di Purcell, Il libro dei reclami di Chailly (Teatro Comunale, L’Aquila), Il re pastore di Mozart e Nina ossia La pazza per amore di Paisiello (Festival Le notti di Villa Mondragone, Teatro delle Acque), Suor Angelica di Puccini (Teatro Rendano, Cosenza), Il filosofo di campagna di Galuppi e Le due gemelle di Piccinni (Festival Arte In Canto), Caldo Disio di autori vari (Lisbona, Culturgest, prima esecuzione assoluta), Il campanello di Donizetti e Adina di Rossini (Reate Festival, Teatro Flavio Vespasiano, Rieti), La serva padrona di Pergolesi (Roma, Vilnius, Riga, Tallinn, Kiev, Budapest), Così fan tutte di Mozart (Narnia Festival), Otto von Kitsch di Vacca e Boletus di Boccadoro (Opera In Canto, Teatro Sergio Secci, Terni, prime esecuzioni assolute), L’elisir d’amore di Donizetti e L’italiana in Algeri di Rossini (Teatro Marrucino, Chieti), Il marito giocatore e la moglie bacchettona di Orlandini, Il combattimento di Tancredi e Clorinda di Monteverdi, La scuola di guida di Rota, Prima la musica e poi le parole di Salieri (Auditorium Ennio Morricone, Università di Tor Vergata, Roma), La Cenerentola di Rossini (Teatro Brancaccio, Roma), Hanjo di Panni, prima esecuzione assoluta, (Associazione Nuova Consonanza, Teatro Palladium, Roma) Brundibár di Krása (Teatro dell’Opera, Roma 2013; ripresa 2014, 2015), il dittico Donna, serva della mia casa, comprendente Fadwa di Scarlato e La stanza di Lena di Carnini (Accademia Filarmonica Romana, Teatro Olimpico, Roma, prime esecuzioni assolute). Ha messo in scena Anna Bolena di Donizetti con Fabio Biondi ed Europa Galante, produzione registrata in dvd e trasmessa da Sky Classica, e Un giorno di regno di Verdi, progetto finanziato dal Comitato Nazionale per il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi e registrato in cd. Ha curato la regia de Il barbiere di Siviglia di Paisiello in un progetto con il Teatro dell’Opera di Roma, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Europa Galante, con la direzione musicale di Fabio Biondi e di Un’infinita primavera attendo di Cappelletto e Carnini, alla memoria di Aldo Moro, nel centenario della nascita (Accademia Filarmonica Romana, Teatro Palladium, Roma, prima esecuzione assoluta): dello spettacolo è stato realizzato un dvd a cura dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani. Ha inoltre messo in scena Anna e Zef, opera multimediale, su musica di Monique Krüs, prima esecuzione italiana (Accademia Nazionale di Santa Cecilia, in co-produzione con la Nederlands Philharmonic, Roma, Parco della Musica, Sala Petrassi): dello spettacolo è stato realizzato un e-book nell’ambito del progetto europeo Music Up Close Network.

Ha ideato la drammaturgia di La traviata tra Verdi e Dumas, narrata da Renata Scotto e letta da Milena Vukotić (Parco della Musica, Roma, 2013); di Čajkovskij e Madame von Meck con Sonia Bergamasco e Giulio Scarpati, con i Solisti dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, diretti da Antonio Pappano (Musei Vaticani, Città del Vaticano, 2014) e di Gala Beethoven con i Solisti dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Tommaso Ragno, diretti da Antonio Pappano (Parco della Musica, Roma, 2015). Esperto di vocalità, si è dedicato anche al melologo, contribuendo alla valorizzazione e alla riscoperta di questo genere con concerti, conferenze, seminari, trasmissioni radiofoniche e spettacoli.

Per Anna Proclemer ha scritto e messo in scena il monologo Anna dei Pianoforti da Alberto Savinio, rappresentato, tra l’altro, a Roma (Teatro Argentina), Milano (Piccolo Teatro), Firenze (Teatro della Pergola, Maggio Musicale Fiorentino), Palermo (Teatro Biondo), Bellinzona (Teatro Sociale), presso gli Istituti di cultura italiana di Monaco di Baviera e Londra ed è stato trasmesso da Radio Tre e dalla Radio della Svizzera italiana. Collabora in qualità di responsabile della lingua italiana con la Bayerische Staatsoper presso la quale ha partecipato a prestigiose produzioni: Mozart, Don Giovanni, direttore Kent Nagano; Mozart, Mitridate, re di Ponto, direttore Ivor Bolton; Mozart, La clemenza di Tito, direttore Kirill Petrenko; Monteverdi, L’Orfeo, direttore Ivor Bolton; Donizetti, Lucia di Lammermoor, direttore Kirill Petrenko; Boito, Mefistofele, direttore Omer Meir Wellber; Verdi, Un ballo in maschera, direttore Zubin Mehta; Rossini, Semiramide, direttore Michele Mariotti; Giordano, Andrea Chénier, direttore Omer Meir Wellber. Stesso incarico ha avuto presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per Rossini, Tancredi, direttore René Jacobs, e Rossini, Il viaggio a Reims, direttore Kent Nagano, e presso importanti case discografiche quali la Deutsche Grammophon (CD Verismo con Anna Netrebko) e la Sony (CD Mozart Arias con Christian Gerhaher).

Ha tenuto conferenze presso alcune importanti istituzioni fra le quali Fondazione Teatro dell’Opera di Roma, Università degli Studi di Roma e dell’Aquila, Fondazione Rossini di Pesaro, Teatro Tascabile di Bergamo, Conservatorio di Musica di Bari e di Trento, e master classes presso le Università di Graz (Austria), Varna e Sofia (Bulgaria), Vilnius (Lituania), Riga (Lettonia), Tallinn (Estonia), Kiev (Ucraina), Budapest (Ungheria).

Per il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo ha registrato un video in quattro puntate sulla regia nel teatro musicale di Giuseppe Verdi, consultabile presso il portale del Ministero dedicato al compositore.

Presso la Fondazione Rossini di Pesaro è membro del Comitato scientifico e direttore delle collane «Iconografia rossiniana», «I libretti di Rossini», «Saggi e Fonti».

Collabora con la Fondazione Alberto Sordi per i Giovani per la realizzazione di manifestazioni concertistiche presso il Teatro della Villa di Alberto Sordi.

Svolge attività di docente insieme a Vivica Genaux presso il Teatro de la Sena di Feltre (Belluno) per il progetto V/Vox Academy Feltre.

Presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia ha svolto dal 2004 al 2015 attività di docente e di coordinatore delle attività artistiche di Santa Cecilia Opera Studio, progetto di alto perfezionamento in canto lirico con Renata Scotto.

Ha insegnato dal 1998 al 2010 Storia dell’Opera e Messinscena dello spettacolo musicale presso l’Università degli Studi dell’Aquila.

E’ docente di Teoria e tecnica dell’interpretazione scenica presso il Conservatorio di musica «Santa Cecilia» di Roma.

Fra le sue pubblicazioni Il melologo: una ricerca tra recitazione e musica, Città di Castello, Edimond, 1998, con un’introduzione di Giovanni Carli Ballola; Verdi e l’Ottocento europeo, Parma, Comitato Nazionale per le Celebrazione Verdiane, 1999-2000; Verdi Festival 2001 Parma. Un anno di spettacoli, Parma, Grafiche Step, 2001; Otello. Un percorso iconografico da Shakespeare a Rossini, Pesaro, Fondazione Rossini, 2003.

www.cesarescarton.it

—————————————————————————-

English version
Cesare Scarton studied opera and theatre stage direction at the Music Conservatory “Santa Cecilia” in Rome. He also graduated in Disciplines of Music and Performing arts at the University of Bologna.
He teaches high level courses and co-ordinates as well the activities of the “Opera Studio”, a project of excellence and high education in opera singing of the National Academy of Santa Cecilia in Rome.
He is a member of the scientific committee of the Rossini Foundation in Pesaro, as well as the director of the book series collections “Iconografia rossiniana”, “I libretti di Rossini”, “Saggi e Fonti”.
He collaborated in the management and production of important international artistic events (music, dance, theatre) such as the Sagra Musicale Umbra, the Panatenee (Pompei, Agrigento, Capri), the Verdi Festival in Parma and the Reate Festival of Rieti, of which he took the direction in 2012.
He has directed, among other things, Il matrimonio segreto by Domenico Cimarosa, Chi rapì la topina Costanza? by Roberta Vacca, Lo scoiattolo in gamba by Nino Rota, Così fan tutte by Wolfgang Amadeus Mozart, The cunning little vixen by Leoš Janáček, L’heure espagnole by Maurice Ravel, Gianni Schicchi by Giacomo Puccini (productions realized by the National Academy of Santa Cecilia, Parco della Musica, Rome and recorded in dvd by Infocamere), The little sweep by Benjamin Britten, Dido and Aeneas by Henry Purcell, Il libro dei reclami by Luciano Chailly, L’impresario in angustie by Domenico Cimarosa (L’Aquila Municipal Theatre), Il re pastore by Wolfgang Amadeus Mozart and Nina ossia la pazza per amore by Giovanni Paisiello (Festival le notti di Villa Mondragone, Teatro delle Acque), Suor Angelica by Giacomo Puccini (Rendano Theatre, Cosenza), Il filosofo di campagna by Baldassare Galuppi and Le due gemelle by Niccolò Piccinni (Festival Arte in Canto), Caldo Disio by various authors (Lisbona, Culturgest, world première), Il campanello by Gaetano Donizetti and Adina by Gioachino Rossini (Reate Festival, Flavio Vespasiano Theatre, Rieti), La serva padrona by Giovanni Battista Pergolesi (Roma, Vilnius, Riga, Tallinn, Kiev, Budapest), Otto von Kitsch by Roberta Vacca and Boletus by Carlo Boccadoro (Opera In Canto, Sergio Tecci Theatre, Terni, world premières), L’elisir d’amore by Gaetano Donizetti and L’Italiana in Algeri by Gioachino Rossini (Marrucino Theatre, Chieti), Brundibár by Hans Krása (Teatro dell’Opera, Rome 2013, retake 2014), the diptych Donna, serva della mia casa, including Fadwa by Dimitri Scarlato and La stanza di Lena by Daniele Carnini (Accademia Filarmonica Romana, Teatro Olimpico, Roma, world premières).
He has staged Anna Bolena by Gaetano Donizetti with Fabio Biondi and Europa Galante, production recorded in dvd by Dynamic and broadcasted by Sky Classic, as well as Un giorno di regno by Giuseppe Verdi, project financed by the National Committee for the bi-centennial of Giuseppe Verdi’s birth, recorded by Tactus.
He has curated the dramaturgy of La Traviata between Verdi and Dumas, narrated by Renata Scotto and recited by Milena Vukotić, (Parco della Musica, Rome).
As and expert in singing and voice performance, and he has also devoted himself to the melodrama and contributed to rediscover and appraise this genre through concerts, lectures, workshops, radio broadcasting programmes and theatre performances with the collaboration of renowned actresses such as Anna Proclemer, Sonia Bergamasco and Milena Vukotić.
For Anna Proclemer, he has written and staged the monologue Anna dei Pianoforti by Alberto Savinio, which has been performed, among other, in Rome (Teatro Argentina), Milan (Piccolo Teatro), Florence (Teatro della Pergola, Maggio Musicale Fiorentino), Palermo (Teatro Biondo), Bellinzona (Teatro Sociale) as well as at the Italian Cultural Institutes in Munich and London. The work has also been broadcasted by Rai Radio Tre and by Radio Svizzera Italiana.
He is in charge of the correct Italian diction at the Bayerische Staatsoper in Munich, where he has also participated in important productions, such as Wolfgang Amadeus Mozart Don Giovanni, conducted by Kent Nagano; Wolfgang Amadeus Mozart, Mitridate re di Ponto, conducted by Ivor Bolton; Wolfgang Amadeus Mozart, La clemenza di Tito, conducted by Kirill Petrenko; Claudio Monteverdi, L’Orfeo, conducted by Ivor Bolton. He was also in charge of the Italian diction at the National Academy of Santa Cecilia in Rome for the production of Tancredi by Gioachino Rossini, conducted by René Jacobs as well as for Gioachino Rossini’s Il viaggio a Reims, conducted by Kent Nagano.
He delivered lectures in relevant institutions, such as Fondazione Teatro dell’Opera in Rome, Universities of Rome and L’Aquila, Rossini Foundation in Pesaro, Teatro Tascabile of Bergamo, Music Conservatories of Bari and Trent, as well as master classes at the Universities of Graz (Austria), Varna and Sofia (Bulgaria), Vilnius (Lithuania), Riga (Latvia), Tallinn (Estonia), Kiev (Ukraine), Budapest (Hungary).
He teaches Theory and Technique of stage and performing interpretation at the Music Conservatory of Santa Cecilia in Rome.
Among his publications: Il melologo: una ricerca tra recitazione e musica, Città di Castello, Edimond, 1998, with an introduction by Giovanni Carli Ballola; Verdi e l’Ottocento europeo, Parma, Comitato Nazionale per le Celebrazione Verdiane, 1999-2000; Verdi Festival 2001 Parma. Un anno di spettacoli, Parma Grafiche Step, 2001; Otello. Un percorso iconografico da Shakespeare a Rossini, Pesaro, Fondazione Rossini, 2003.

——————————————————————————

Version française

Cesare Scarton a obtenu le diplôme de Mise en scène d’opéra et de théâtre au Conservatoire de musique «Santa Cecilia» de Rome et est titulaire d’une maîtrise en Disciplines artistiques, musicales et du spectacle de l’Université de Bologne.
Il enseigne à l’Académie nationale de Santa Cecilia et est coordinateur des activités artistiques du Santa Cecilia Opera Studio, un projet de perfectionnement de haut niveau en chant lyrique.
Il est membre du comité scientifique de la Fondation Rossini de Pesaro et directeur des collections «Iconografia rossiniana», «I libretti di Rossini», «Saggi e Fonti».
Il a participé à la direction artistique d’importantes manifestations internationales de musique, de danse et de théâtre, en particulier la Sagra Musicale de l’Ombrie, les Panathénées (Pompéi, Agrigente, Capri), le Festival Verdi de Parme, le Reate Festival de Rieti, dont il a été nommé directeur artistique en 2012.
Il a mis en scène, entre autre, Il matrimonio segreto de Cimarosa, Chi rapì la topina Costanza ? de Vacca, Lo scoiattolo in gamba de Rota, Così fan tutte de Mozart, Le petit Renard rusé de Janáček, L’heure espagnole de Ravel, Gianni Schicchi de Puccini (production réalisée par l’Académie nationale de Santa Cecilia, Parco della Musica, Rome, et enregistrée sur DVD grâce à Infocamere), The little sweep de Britten, Dido and Aeneas de Purcell, Il libro dei reclami de Chailly, L’impresario in angustie de Cimarosa (Teatro Comunale, L’Aquila), Il re pastore de Mozart et Nina ossia La pazza per amore de Paisiello (Festival Le notti di Villa Mondragone, Théâtre delle Acque), Suor Angelica de Puccini (Théâtre Rendano, Cosenza), Il filosofo di campagna de Galuppi et Le due gemelle de Piccinni (Festival Arte in Canto), Caldo Disio de divers auteurs (Lisbone, Culturgest, création), Il campanello de Donizetti et Adina de Rossini (Reate Festival, Théâtre Flavio Vespasiano, Rieti), La serva padrona de Pergolèse (Rome, Vilnius, Riga, Tallinn, Kiev, Budapest), Otto von Kitsch de Vacca et Boletus de Boccadoro (Opera In Canto, Théâtre Sergio Secci, Terni, créations), L’elisir d’amore de Donizetti et L’Italiana in Algeri de Rossini (Théâtre Marrucino, Chieti), Brundibár de Krása (Teatro dell’Opera, Rome 2013; reprise 2014), le diptyque Donna, serva della mia casa, composé de Fadwa de Scarlato et de La stanza di Lena de Carnini (Accademia Filarmonica Romana, Teatro Olimpico, Rome, créations). Il a mis en scène Anna Bolena de Donizetti avec Fabio Biondi et Europa Galante, production enregistrée sur DVD par Dynamic et transmise par Sky Classica, et Un giorno di regno de Verdi, projet financé par le Comité national pour le bicentenaire de la naissance de Giuseppe Verdi, et enregistré sur CD par Tactus. Il a réalisé la dramaturgie de La Traviata tra Verdi e Dumas, racontée par Renata Scotto avec les textes lus par Milena Vukotić (Parco della Musica, Rome).
Expert de la voix, il s’est également dédié au mélodrame, un genre musical qu’il a contribué à faire redécouvrir et à mettre en valeur à travers concerts, conférences, séminaires, émissions radiophoniques et spectacles avec des actrices comme Anna Proclemer, Sonia Bergamasco et Milena Vukotić.
Pour Anna Proclemer, il a écrit et mis en scène le mélodrame Anna dei Pianoforti à partir de textes d’Alberto Savinio, qui a été représenté, entre autre à Rome (Théâtre Argentina), Florence (Théâtre de la Pergola, Maggio Musicale Fiorentino), Bellinzona (Teatro Sociale), à l’Institut de culture italienne de Munich et à Londres, et qui a été transmis par RAI Radio Tre et par la Radio de la Suisse italienne.
Il collabore en tant que responsable de la diction italienne avec la Bayerische Staatsoper de Munich où il a participé à de prestigieuses productions: Don Giovanni de Mozart, sous la direction de Kent Nagano; Mitridate, re di Ponto de Mozart, sous la direction d’Ivor Bolton; La clemenza di Tito de Mozart, sous la direction de Kirill Petrenko; L’Orfeo de Monteverdi, sous la direction d’Ivor Bolton. Il a également été responsable de la diction italienne à l’Académie nationale de Santa Cecilia de Rome pour Tancredi de Rossini, sous la direction de René Jacobs, et pour Il viaggio a Reims de Rossini, sous la direction de Kent Nagano.
Il a tenu des conférences dans d’importantes institutions comme la Fondation Teatro dell’Opera de Rome, l’Université de Rome et de L’Aquila, la Fondation Rossini de Pesaro, le Teatro Tascabile de Bergame, les Conservatoires de musique de Bari et de Trente; il a tenu des master-classes à l’Università de Graz (Autriche), Varna et Sofia (Bulgarie), Vilnius (Lituanie), Riga (Lettonie), Tallinn (Estonie), Kiev (Ukraine), Budapest (Hongrie).
De 1998 à 2010, il a enseigné l’histoire de l’opéra et la mise en scène du spectacle musical à l’Université de L’Aquila.
Il enseigne la théorie et la technique de l’interprétation scénique au Conservatoire de musique de «Santa Cecilia» de Rome.
Parmi ses publications: Il melologo: una ricerca tra recitazione e musica, Città di Castello, Edimond, 1998, introduction de Giovanni Carli Ballola; Verdi e l’Ottocento europeo, Parme, Comitato Nazionale per le Celebrazione Verdiane, 1999-2000; Verdi Festival 2001 Parme. Un anno di spettacoli, Parme, Grafiche Step, 2001; Otello. Un percorso iconografico da Shakespeare a Rossini, Pesaro, Fondazione Rossini, 2003.
Orari

Lunedì: Ore 8.00 / 14.00 – 1° Piano – Aula 12 (Aula Magna) (S.Andrea delle Fratte)

Martedì: Ore 8.00 / 14.00 – (Via dei Greci)

Giovedì: Ore 10.00 / 14.00 – 1° Piano (Sala Riunioni) (S.Andrea delle Fratte)