Femmina

Russo Rosa

Arte Scenica

Biografia

 

Rosa Russo (in arte Rosa Alba Russo)
Dopo aver intrapreso gli studi musicali di Canto Lirico e Flauto traverso, nel 1979 consegue il Diploma con ottimi voti, presso il Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli .
Nel lontano 1978-79 appena 24enne debutta nel ruolo di Desdemona opera“Otello” di G. Verdi, a Monaco di Baviera e successivamente in Italia è Mimì in “Bohème” di G. Puccini.
Già vincitrice di Concorsi Nazionali ed Internazionali, il 31 luglio 1979 partecipa e vince al XVII Concorso Internazionale di Canto “Beniamino Gigli” all’Arena dello Sferisterio di Macerata, poi quello indetto dall’ASLICO di Spoleto, ed infine partecipa al Concorso Maria Callas classificandosi fra i primi dieci finalisti, canterà la romanza tratta dall’opera Aida di G. Verdi “O cieli azzurri”. diretta dal M° Edoardo Muller.
La fase finale del Concorso Maria Callas, sarà trasmessa in televisione da Rai1.
Intraprende la carriera artistica come Soprano lirico debuttando nel 1981 accanto a nomi illustri del mondo della lirica come: il baritono Aldo Proti, e il tenore G. Cecchele interpretando il ruolo di “Tosca” di G. Puccini.
Diverse scritture teatrali con il Teatro della capitale la vedranno cooprotagonista e cover di famosi soprani quali:
Monserrat Caballè per il ruolo di “Agnese” nell’opera Agnese di Hohenstaufen, diretta dal M° G. L. Gelmetti –
Seta Del Grande per il ruolo della “Civetta” nell’opera The Civil Word di F. Glass
Elisabeth Connell per il ruolo di “Ifigenia” nell’opera Ifigenia in Tauride di C. W. Gluck per la regia di L. Cavani –
Leona Mitchell per il ruolo di “Leonora” nell’opera Un Ballo in Maschera di G. Verdi diretta dal M° G. L. Gelmetti –
Raina Kabaivanska per il ruolo di “Adriana” regia di Mauro Bolognini la direzione è del M° Giuseppe Patanè.
Nel 1981 al Maggio Musicale Fiorentino le vengono affidati i ruoli di Antonia e Stella da
I racconti di Hoffman di J. Offenback nel cast il tenore Neil Shikof e il baritono Sesto Bruscantini con la regia di Luca Ronconi.
Ifigenia in Tauride (Ifigenia e Prima sacerdotessa)di C. W. Gluck, soprano Edda Moserregiadi Sandro Sequi.
Adriana Lecouvreur, di F.Cilea(Adriana e Jovenot), interpretiRaina Kabaivanska, Gianfranco Cecchele, Rolando Panerai, Fiorenza Cossotto, Carlo Cava,regia di Mauro Bolognini,diretta rispettivamente da eccellenti direttori d’orchestra come Riccardo Muti e GiannAndrea Gavazzeni, e non ultimo da Zubin Metha nei Quattro pezzi sacri di G. Verdi.
L’anno1983-84 segna decisivamente il suo battesimo nel Teatro Lirico con l’opera Nabucco di G. Verdi, interpretando il ruolo di “Abigaille”, rappresentata nella Stagione
lirica del Teatro dell’Opera di Roma – Terme di Caracalla, avrà come partners, il baritono Silvano Carroli e il tenore Nunzio Todisco, la direzione è del M° Reinald Giovanninetti.
Nel 1983 al Teatro Brancaccio di Roma riceve il premio Nazionale “Il Gonfalone d’oro” quale leader del Teatro dello Spettacolo, dell’Arte e del Lavoro. Tra i nomi eccellenti della giuria del premio: Comm. Paolo Silveri, Sig.ra Giulietta Simionato, Sig.ra Renata Tebaldi, M° Ottavio Ziino.
Nel 1984 al Teatro dell’Opera di Roma “Terme di Caracalla” canta “Aida” di G. Verdi accanto a Nicola Martinucci, Giorgio Merighi, Fiorenza Cossotto, Grace Bumbry, e Leo Nucci.
Nel 1985 è invitata da Kim Shin Wuan, Sovrintendente del Teatro Metropolitan di Seoul (Corea) dove interpreta in prima assoluta il ruolo di “Maddalena di Coigny” in Andrea Chènier di U. Giordano.
 
Canta “Liù” in Turandot di G. Puccini con Nicola Martinucci, e Galia Savova, diretta dal M° Giuseppe Patanè, a Roma-Terme di Caracalla.
Nel 1988 Al Teatro “Orfeo” di Taranto canta Tosca di G. Puccini affiancata dal tenore Nicola Martinuci,e dal baritono Giampiero Mastromei, diretta dal M° Nicola Samale.
Nel 1989 al Teatro Filarmonico dell’Arena di Verona, interpreta il ruolo di “Nedda” ne I Pagliacci di R. Leoncavallo accanto al tenore G. Giacomini.
 
Nello stesso anno a Besancon ( Francia) sarà “Leonora” nel Trovatore di G. Verdi, Manrico tenore Salvatore Filistad e Conte di Luna baritono Franco Giovine per la direzione del M° Martignonì.
Al Teatro Rendano di Cosenza interpreta la parte di “Elisabetta di Valois” nell’opera Don Carlos di G. Verdi sotto la direzione del M° Nicola Samale.
Attività Didattica
Dal 1978-79 parallelamente all’attività di cantante lirica, è docente di Arte Scenica con incarico annuale presso il Conservatorio di Musica “Umberto Giordano” di Foggia. Successivamente per l’A.A. 1979-80 è docente di ruolo e detiene rispettivamente la prima cattedra di Arte Scenica presso i Conservatori di Musica “G. Martucci” di Salerno, e
 “O. Respighi” di Latina.
Dal 2009 a tutt’oggi è docente al Conservatorio di Musica “S. Cecilia” di Roma.
 
Negli anni A.A. 1999-2000 – 2001-2003 e 2008 per il Conservatorio “O. Respighi” di Latina da vita al progetto: ……”a proposito di Conservatorio” per il Corso sperimentale di Repertorio Lirico Teatrale.
Curerà gli allestimenti e la regia di rappresentazioni operistiche “gli Atti unici”, al Teatro Grande di Latina, con la collaborazione del Teatro dell’Opera di Roma per le scene e costumi:
“La Cambiale di Matrimonio” e “Il Signor Bruschino” di G. Rossini, “Suor Angelica” di G. Puccini, “Le Preziose ridicole” di F. Lattuada e “West side story” di L. Bernstein.
Con “Frammenti d’opere” affronterà un percorso cronologico dell’evoluzione dell’opera, dedicato alla donna, da Mozart a Bernstein. con l’orchestra del Conservatorio “O. Resighi” di Latina, diretta dai maestri, Stefano Mastrangelo e Alessio Vlad.
Nel 2008 conclude il suo percorso progettuale “gli Atti unici” con il “Campanello dello speziale” di G. Donizetti.
Lo spettacolo verrà replicato per alcune scuole medie e licei di Latina e provincia.
Regia Teatrale
Nel 1996 nel Palazzo Ducale di San Felice Circeo (LT) debutta come regista portando in scena “Il Barbiere di Siviglia” di G. Rossini.
Al Teatro Manzoni di Roma dal 1997 sino al 1999 assume la Direzione artistica della Stagione Lirica “Opera Manzoni” e per l’inaugurazione collabora come assistente alla regia con la Sig.ra Marilin Tayler per l’opera “La Traviata di G. Verdi.
Seguiranno altri titoli:
Il Barbiere di Siviglia di G. Rossini, Gianni Schicchi di G. Puccini, Cavalleria Rusticana di P. Mascagni e Madama Butterfly di G. Puccini.
Nel 1998 al Teatro Manzoni di Roma realizza la regia, scene e costumi delle opere “La Bohème” di G. Puccini diretta dal M° Germano Neri e Lucia di Lammermoor di G. Donizetti con la direzione dei M° David Holst e Raffaele Napoli.
Nel 1999 collabora con il regista Maurizio Marchini alla messa in scena della Trilogia Verdiana, e Madama Butterfly di G. Puccini.
Attività Imprenditoriale
 
 La carriera artistica in qualità di Soprano per circa vent’anni prima, e il contatto con i giovani attraverso l’insegnamento poi, l’hanno portata ad intraprendere da circa 15 anni una nuova esperienza, quella di “Imprenditrice dello spettacolo”, operando attivamente sul territorio nazionale dal 1996 organizzando e producendo spettacoli lirici.
In primis al Teatro Municipale di Lonigo (Vicenza) nel 1986 ha allestito 2 opere quali Il Barbiere di Siviglia” di G. Rossini avendo come interprete per il ruolo di Figaro il baritono Rolando Panerai e per il ruolo del Conte D’Almaviva il tenore Giorgio Casciarri.
Nel 1997 presso il Teatro Manzoni di Roma negli anni 1997 – 1999 ha rappresentato 12 opere con 4 repliche per ogni titolo.
Tutto ciò ha dato vita ad un’attività professionale intensa, offrendo a molti giovani artisti, scelti attraverso attente selezioni e audizioni in Teatro l’opportunità di un debutto ed al pubblico di assistere a spettacoli di buon livello dando nel contempo opportunità di lavoro a circa 250 persone.
Nella Valle dei Templi di Agrigento ha rappresentato La Traviata di G. Verdi sotto il patrocinio della Provincia e della Regione Sicilia con la partecipazione di circa 3000 spettatori .
Presso il Teatro Moderno della città di Grosseto ha prodotto dal 2001 al 2004 le Stagioni Liriche tra cui la Trilogia in occasione dell’anno Verdiano, riscuotendo un notevole successo di pubblico con una costante frequenza di spettatori ottenendo il tutto esaurito.
 Dal 1997 a oggi è presente presso il Teatro Municipale G. Verdi di Salerno, assumendone l’organizzazione e la rappresentanza presso il Ministero dei Beni Culturali con la direzione artistica del M° Daniel Oren.

Orari

Lunedì: Ore 9.00 / 15.00 – 1° Piano – Sala Medaglioni

Sabato: Ore 9.00 / 15.00 – 3° Piano – Aula 16

 

Contatti

Telefono:

(+39) 06 36096720

Email: